Archivi categoria: Soft Skills

PER ASPERA AD ASTRA

PC I più giovani forse non hanno ancora dimenticato le tante cadute prima di imparare ad andare in bicicletta e chi ha un figlio sicuramente ricorda il mal di schiena che viene quando, per facilitare i primi tentativi senza rotelline del pargolo, si corre qualche metro a zig zag tenendo il manubrio della biciclettina e prendendosi i pedali nelle caviglie.2011112510478

Il punto è che non si può imparare ad andare in bicicletta senza fare fatica, demoralizzarsi, cadere e sbucciarsi le ginocchia. Ed è necessario qualcuno che ci costringa a uscire dalla nostra confort zone (le rotelline) e ci sproni a provare qualcosa che non abbiamo ancora fatto, anche se ci saranno delle difficoltà da superare (personalmente serberò sempre il ricordo di mio padre che mi ha incitato ad andare per la prima volta in bici senza mani, senza pensare, ahimé, che lo sterrato non era probabilmente il terreno migliore per iniziare: il risultato della caduta è ancora inciso come un tatuaggio sul mio ginocchio sinistro).

L’attuale situazione del mercato del lavoro ci impone tutti i giorni delle asperità tali che rischiano di minare la nostra capacità di reagire e di intrappolarci in una zona di autocommiserazione.

Ci sono sicuramente difficoltà attribuibili solo ed esclusivamente alla crisi e a eventi esogeni che non possiamo gestire (lo sterrato che rende più difficile tenere dritta la bicicletta). Ma esistono anche delle situazioni che vengono principalmente influenzate dal nostro comportamento (la mia incertezza nel pedalare dovuta alla paura di cadere) o da quello degli altri (la volontà di mio padre di farmi sempre superare i miei limiti, forse causata dal desiderio di avere un figlio maschio?).

Quando le difficoltà che incontriamo rientrano nelle due ultime categorie per scoprire il motivo latente che ci ha messo di fronte un ostacolo e cercare il modo corretto per superarlo può essere utile applicare la tecnica del laddering, che uso nelle mie lezioni per insegnare a individuare le motivazioni più profonde che portano ad acquistare un prodotto.

Il Laddering, da La strategia in pubblicità. Manuale di tecnica multimediale: dai media classici al digitale, di Marco Lombardi, Franco Angeli, 2014

Il Laddering, da La strategia in pubblicità. Manuale di tecnica multimediale: dai media classici al digitale, di Marco Lombardi, Franco Angeli, 2014

Il laddering è una catena di “perché” che ci aiuta ad indagare sulle cause di un comportamento, partendo dalle caratteristiche più oggettive e fattuali, fino ad arrivare alle motivazioni più profonde e valoriali. L’obiettivo è capire i motivi per cui ci troviamo in situazioni difficili e provare a modificare le cause più nascoste. Come diceva Einstein “non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose”.

Proverò a fare un esempio: siamo molto amareggiati perché il nostro capo, dopo averci chiesto di fare un lavoro lungo e faticoso che non rientrava nei nostri compiti, lo ha completamente ignorato. Non commentiamo l’accaduto con lui, ma questa delusione si aggiunge alla percezione generale di essere poco apprezzati. Alla prima occasione in cui verrà preteso un ulteriore impegno aggiuntivo, anche se questa volta magari meno gravoso, è probabile che esploderemo con una serie di recriminazioni che rischiano di minare il rapporto con questa persona.

Proviamo ad applicare il laddering a quanto accaduto, impiegando la massima sincerità nell’analisi dei nostri comportamenti e cercando di non essere semplicisti nel valutare le azioni degli altri.

Situazione di partenza:

Ho fatto un lavoro impegnativo che non è stato apprezzato

Perché il mio lavoro non è stato apprezzato?

Perché il mio capo è un ingrato schiavista

La risposta più facile consiste nell’attribuire tutte le responsabilità all’altra persona, etichettandone il comportamento, ma questo non ci aiuterà ad affrontare meglio una situazione analoga nel caso in cui ci si riproponga. Riproviamo:

Perché il mio capo è un ingrato schiavista

Perché il mio lavoro non è stato apprezzato?

Perché il mio capo non ha neppure guardato il mio lavoro e non ha quindi potuto apprezzare com’era ben fatto.

Questa è una lettura oggettiva di quanto è accaduto che ci dà un indizio utile per continuare l’analisi. Proviamo ora a capire il perché l’ha fatto (il modo migliore è semplicemente chiederglielo, invece di tenerci dentro la delusione)

Perché il mio capo non ha neppure guardato il mio lavoro?

Perché il lavoro che ho svolto non era più necessario dato che l’intero progetto, a cui il mio capo teneva molto, è saltato.

Quindi perché il mio capo non mi ha dato feedback?

Forse perché ha inconsciamente voluto dimenticare tutto quanto riguardava questo progetto, che costituisce per lui un piccolo fallimento.

Siamo arrivati a una motivazione profonda. Capire questo insight ci avrebbe dato l’opportunità di relazionarci con lui a un livello paritetico, di farci percepire come partner, di uscire da una relazione che gli psicologi transazionali definiscono genitore-bambino, nella quale dipendiamo dal suo apprezzamento proprio come un bambino che porta il disegno da vedere al papà e ci rimane male se lui non lo guarda.

Vale la pena probabilmente anche chiedersi:

Perché io non gli ho sollecitato un feedback?

Perché ho pensato che come sempre mi accade il mio lavoro non viene correttamente apprezzato e che il mio valore non viene mai valutato in modo equo.

In sostanza abbiamo preferito rimanere  in quella che è diventata paradossalmente una confort zone – il ritenersi sottovalutati e incompresi – piuttosto che stimolare un confronto paritetico e sincero.

La prossima volta che si presenta un ostacolo, soprattutto se è simile a una difficoltà incontrata in passato, provate a chiedervi i motivi profondi di quanto sta accadendo in modo da imparare a non fare gli stessi errori.

Il mio augurio per questo nuovo anno è che le asperità e gli ostacoli  della vita lavorativa vi conducano in alto!

Contrassegnato da tag , , , ,

Job Future oggi allo IED

PC Oggi allo Ied si parlerà del lavoro del futuro e delle caratteristiche che le principali aziende cercano nei loro candidati ideali. Alle 17.00 in Via Sciesa a Milano parleranno Simona Maggini, CEO YOUNG&RUBICAM Italia/VML (e cultore della materia al nostro corso di Brand Lab in Iulm!), Silvia Mauri, HR Director WE ARE SOCIALMaggie Priori, Brand Manager ROBERTO CAVALLIClaudio Burchi, Account Director FUTUREBRAND e Alicia Lubrani, Head of Consumer Communication SAMSUNG coordinati da Elena Sacco, Direttore IED Management e Comunicazione Milano..Invito-Digitale

 

Contrassegnato da tag , , , ,

Carriera e figli? Si sopravvive recitando

PB Pare che la maggior parte dei manager maschi italiani siano stati partoriti da donna. Ci sono solo pochi esempi di partenogenesi o di prodotti sintetici (io ho avuto un capo androide, ma appunto si tratta di eccezione). Nonostante questo fatto piuttosto evidente, la maternità – per fare carriera – rappresenta ancora un ostacolo. Una donna in Italia (magari anche altrove, non so) ha solo due possibilità per non essere considerata una balia: o non fare figli (che noia, sono obiettivamente la cosa più carina che chiunque di noi possa fare) o mentire.

Io ho mentito sempre. Con caparbietà e coerenza. Più che mentire ho commesso molti peccati di omissione. Continuamente.

Se ti assenti dal lavoro perché fai la maratona di NY sei figo. Se stai a casa perché operano tuo figlio o perché ha 40 di febbre non sei abbastanza dedita al lavoro. Se esci alle 15 per una partita a squash ti aspettano tutti. Se esci per mettere l’apparecchio al Fede, quando torni hanno dato il progetto a un altro. Se la sera vai a teatro sei colta. Se vai alla festa di Natale (dura uguale ma è professionalmente meno qualificata e necessaria per la tua carriera parallela di mamma) sei una mammoletta.

Ergo: nessuno se non eccezionalmente e per aneddoti divertenti saprà mai che la strana creatura, bassa e piuttosto pasticciona, che gira per casa tua è tuo figlio. Forse è un extraterrestre. Una scultura semovente, un ologramma. In ogni modo non è un essere che richiede la tua attenzione, il tuo affetto, il tuo tempo, la tua mente. Per colleghi e capi tu pensi solo alle collezioni e al budget. Nei momenti di relax tra una riunione l’altra ascolti piena di interesse aneddoti su tabelle di performance, allenamenti, regate e integratori alimentari (la mia generazione ha colleghi – e mariti – che si trasformano in bozzoli fasciati di Lycra prima e dopo l’ufficio, maratoneti, iron-men, ciclisti, fondisti, velisti, golfisti.  Purtroppo gli eroinomani degli anni ‘70 si contano sulle dita di una mano). Hai un figlio certo, di cui non parli quasi mai, che fa tutto da solo.

Naturalmente non ti lamenti mai di lui (altrimenti sei una rompipalle), né dai segno di trascurarlo (il collega/capo maschio ti considererebbe anaffettiva e contro natura dato che è fondamentalmente un mammone): semplicemente per miracolo tu hai prodotto l’unico bambino al mondo che fa il bagno senza lamentarsi, cucina per tutti la sera, finisce i compiti prima che tu torni a casa, non si ammala mai, non ha bisogno di andare in bagno quando ha già su la sciarpa e tu hai un aereo in partenza,  non vuole andare alle feste di compleanno quando la tata non è disponibile, non desidera che tu lo accompagni al pedibus almeno una volta alla settimana, non vorrebbe che tu cucinassi una torta per la festa della scuola, né che confezionassi una Pigotta come le altre mamme.

Io per fare carriera ho fatto fare la Pigotta alla Marisa (mitica e fantastica  modellista in Giorgio Armani: la mia Pigotta era la più bella della scuola), ho ripassato le province del Piemonte mentre i colleghi pensavano che per me il Piemonte fosse solo una meta per lo sci, ho fatto il pedibus solo 3 volte nascondendomi dietro il traffico dei cantieri EXPO, non ho mai fatto una torta (non sarei stata capace neanche da disoccupata) non ho mai avuto una sua foto in ufficio e sono allegramente sopravvissuta amando mio figlio di nascosto dal mio capo. Che aveva sul tavolo le foto dei suoi figli.

L’unico a cui ho mentito / omesso di più che al mio capo è stato mio figlio. Il quale crede che io abbia un lavoro che non mi occupa, né mente, né attenzione, né passione. Il mio lavoro è semplice e si fa tutto da solo. Sto solo un po’ lontano da casa per pensarlo meglio da lontano e gustarmi di più l’abbraccio alla sera.

Così io ho surfato su tutti i pregiudizi , ho avuto il pudore della mia felicità, e ho fatto la mia carriera (non avrei fatto di meglio se non avessi avuto figli, anzi magari sarei stata meno felice, proattiva, ottimista e lungimirante), ma Paola ha sottomano un paio di manager che si stanno districando tra pannolini e Marketing Plan. Sentiremo presto la loro versione dei fatti.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Come fare carriera alla cena di Natale

PB   Natale. Tutti in famiglia il 24 e il 25 Dicembre. Ma le celebrazioni con il circolo più allargato delle nostre relazioni partono già da S. Ambrogio!

La pizzata di Zumba, la mostra con le amiche di infanzia, l’aperitivo con gli ex colleghi e… il brindisi o la cena aziendali!

Un incubo per molti divisi tra la tentazione di bigiare e quella di vestirsi come Moira degli elefanti per farsi finalmente notare da quell’inaccessibile adone del Controllo di Gestione (e dare il definitivo due di picche al nerd dei Sistemi Informativi).

Non sono una grande fan del momento ludico al lavoro (il barbecue con il capo la domenica nei film americani mi fa rabbrividire e alle cene di lavoro preferisco le cene con gli amici) ma semel in anno licet insanire (una volta l’anno è lecito impazzire), quindi via libera agli auguri di Natale al lavoro, ma con qualche accorgimento.

Ecco le regole fondamentali per sapersi comportare alla Cena di Natale aziendale: un errore può essere fatale alla propria carriera!

Regola numero Uno: al brindisi di Natale si va.

Non esistono scuse, impegni precedenti, timidezze all’ultimo minuto, raffreddori, malattie.

Ho un paio di esempi di colleghi brillanti che hanno fatto scelte diverse sulla cena di Natale, in Dolce & Gabbana, qualche anno fa.

R., super lavoratrice e sgobbona, carina, timida, fedele. Non va mai alle cene di Natale perché si sente un po’ fuori luogo, è timida, non ha legato bene con le colleghe che trova sguaiate e caciarone. Il direttore di divisione, ignaro del suo effettivo contributo al lavoro, si è però accorto benissimo della sua assenza al brindisi: R. è evidentemente poco aziendale, poco motivata, non ha commitment sufficiente per essere tra i migliori.

P., brillante, pasticcione, intelligente , ingarbugliato è stato investito a Londra, durante un viaggio di lavoro, da un’automobile. Settimane di ospedale e preoccupazioni. Alla cena di Natale, direttamente dall’aeroporto, accompagnato dalla sorella, passa per fare un brindisi. Rimane alla cena di Natale per 15 minuti. Che gli sono valsi più della chiusura del budget. Chi prima lo considerava uno svampito lo ha rivalutato come genio e sregolatezza.

Regola numero Due: al brindisi di Natale si va puntuali.

 La scena di quello oberato che deve finire la e mail e arriva tardi al brindisi credendo di fare la parte del secchione sbaglia di grosso: l’Amministratore Delegato è lì con il bicchiere in mano, con il discorso pronto. Arrivare 5 minuti dopo non fa lavoratore indefesso , fa villano o al meglio disorganizzato. Se è riuscito a arrivare il tempo chi gestisce un Consiglio di Amministrazione e gli Azionisti, come mai non ci è riuscito un Junior PM?

Regola numero Tre: al brindisi di Natale si va con abito e accessori adeguati.

Un piccolo dettaglio colorato, un abito elegante, un rossetto rosso.

Qualcuno si è occupato di preparare la festa per voi. Probabilmente da ottobre l’ufficio del personale e i servizi generali hanno pensato a location, menù, cadeau. Il Direttore Generale ha firmato decine di biglietti di auguri.

Fate in modo anche voi di essere in ordine per la festa e non di parerci caduti per errore, con la felpa e il berretto di lana in testa.

La vostra camicia bianca o una spilla a forma di albero di Natale (io ne ho una bellissima, regalatami da Antonio G. quando eravamo ragazzetti e colleghi in Swatch, che uso da allora tutti gli anni come un amuleto e un portafortuna) verranno apprezzati dal vostro capo e dai vostri colleghi. Importante: non state andando a un matrimonio e neanche all’addio al celibato. Non siete neanche dei promoter di Harrods. La giacca rossa e la barba di ovatta non sono quello che intendo per piccolo dettaglio natalizio.

Regola numero Quattro: al brindisi di Natale si va per festeggiare (no slides, no sbronza).

Alla cena di Natale ci si comporta in modo informale ma non si esagera.  E’ l’occasione per vedere in un contesto meno formale i propri colleghi, per scoprire che quella biondina pallida che si occupa di licenze truccata e con i capelli raccolti è quasi bellissima, che il capo è un appassionato di vela, che il magazziniere è un comico pazzesco e che la cena a base di insaccati è problematica per il collega mussulmano (era mussulmano?).

Vietato parlare di lavoro operativo e portare documenti a cui dare un’occhiata.

Vietato però esagerare con l’informalità: quelle stesse persone le ritroveremo domani in giacca e cravatta in ascensore.

Ricordo ancora un capo ubriaco su un tavolino che ballava, scarpe in mano. I collaboratori erano allibiti. Come vedere la mamma che bacia l’idraulico. Non si fa.

Ricordo uno stuolo di fanciulle del customer service vestite come per andare in discoteca civettare, troppo, con tutta la rete agenti (dalla Sicilia alla Val d’Aosta in grande spolvero). Tipo “cene eleganti” della cronaca recente. Non si fa.

Ricordo una segretaria alticcia che insisteva, troppo, per far ballare un ingessatissimo capo. Come quegli animatori  che trascinano con la forza riottosi volontari sul palcoscenico del villaggio vacanze. Non si fa.

Regola numero Cinque (per i capi) : al brindisi di Natale si va preparati

E’ una occasione per vedere tutti i collaboratori e non solo i primi livelli. Per fare un breve riassunto dei risultati raggiunti e per far conoscere gli obiettivi del nuovo anno.

Il discorso deve essere breve e informale, deve avere il carattere della celebrazione (ringraziamento e augurio) e non del rimprovero o del cazziatone (per questi brindisi c’è tempo tutto l’anno).

Essere preparati per un breve discorso, anche se poi condotto a braccio, è un segno di attenzione e rispetto per chi ha lavorato tutto l’anno e lo farà ancora per quello a venire, a volte più gratificante del panettone.

BUON ANNO!

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Come trovare un lavoro trovando lavoro agli altri

PC Nel saggio che sto (un po’ faticosamente) leggendo – The Moral Molecule di Paul J. Zac – l’autore sostiene, in estrema sintesi, che quando trattiamo bene il prossimo, o trasmettiamo serenità, o ci fidiamo degli altri il nostro cervello produce una molecola chiamata ossiticina che si traduce in una sensazione di benessere e felicità.animal-altruism02

Essere altruisti sarebbe quindi, in realtà, un comportamento estremamente egoista.

Gli psicologi sostengono che un atteggiamento altruistico (altruismo deriva da latino alter: altro) nasce da una motivazione profonda ad aiutare gli altri, senza la pretesa di possibili ricompense (la ricompensa nascerebbe, secondo Zac, dal senso di appagamento e felicità attivato dall’ossiticina).

Un risvolto positivo è che, nella mia esperienza, ho scoperto che nella ricerca del lavoro l’altruismo porta sempre un grosso vantaggio: se aiutate gli altri a trovare un lavoro prima o poi saranno loro che vi aiuteranno a trovarne uno.

Mi è infatti spesso capitato di trovare un lavoro a dei giovani laureati o di segnalare per un nuovo impiego o progetto persone già occupate. Nel lungo termine questo impegno come sensale, che ho sempre svolto per creare soddisfazione non solo in chi cercava lavoro ma anche in chi lo offriva, mi ha portato non solo gratitudine e fiducia da entrambe le parti ma anche ingaggi e progetti.

Ecco quindi alcuni consigli pratici per giovani talenti o affermati professionisti che spero vi possano essere utili per rafforzare sempre di più la rete nella quale operate e sfruttare l’opportunità di essere altruisti:

  • se siete un nerd smanettone e vi propongono uno stage in un’azienda specializzata in sport estremi (e la prospettiva vi alletta quanto il bungee jumping) oltre a declinare proponete per quel posto l’amico super fit, che vive con lo zaino in spalla;
  • se siete un consulente e un cliente vi chiede di svolgere un compito al di fuori della vostra portata o esperienza, piuttosto che fingervi tuttologi, conquistatevi la sua fiducia proponendo una persona del vostro network che è più specializzata in quell’ambito;
  • se siete appassionate di lettere antiche che vestono solo di grigio e verdone, o dentro di voi alberga ben nascosta un’amante della moda con la vocazione al marketing che non aspetta altro che uscire dal bozzolo (Patrizia ti ricorda qualcuno?) oppure per quel posto da Zara vi conviene suggerire una persona più adatta a cogliere e sfruttare le ultime tendenze del fast fashion;

e inoltre:

  • segnalate anche ai vostri amici i cacciatori di teste con i quali siete in contatto, diventerete una fonte attendibile di professionalità per i reclutatori e sarete quindi i primi con i quali condivideranno le loro necessità (e a volte sarete proprio voi la persona più adatta per quel lavoro);
  • siate aperti e curiosi, cercate di capire cosa fanno e cosa potrebbero fare i vostri amici, collaboratori, conoscenti: da questo bagaglio di conoscenze potrà nascere l’idea di proporli per un nuovo lavoro e la possibilità di rendere felice chi cercava proprio quel tipo di professionalità;
  • condividete le vostre esperienze, anche negative; potranno aiutare gli altri a evitare di ripercorrete i vostri stessi errori. A volte è meglio essere sinceri e mostrare le proprie debolezze, se volete che gli altri pensino che potreste aver bisogno di un aiuto;
  • aiutate un’altra persona a trovare un lavoro, a migliorare le sue attuali condizioni, ad avere migliori relazioni sul posto di lavoro: oltre a crearvi un amico vi farà sentire meglio l’aver fatto qualcosa di utile;
  • non dimenticatevi i vecchi amici, che fanno parte di circoli che possono essere molto diversi da quelli che ora frequentate. Attraverso i social network adesso è facile mantenere queste relazioni. Restare in contatto con persone con background e interessi diversi non solo vi aiuterà a pensare in modo più creativo ma amplierà il numero di persone e professionalità che potrete suggerire per un nuovo lavoro.

A questo link la conferenza TED in cui Paul Zac spiega cosa ci spinge ad avere fiducia negli altri e comportarci in modo moralmente utile (rispetto al libro – che trovate su Amazon – grazie al video si apprezza il fatto che Paul è un uomo affascinante, anche se ha la pessima abitudine di girare con una siringa con la quale cerca, per confermare la sua teoria, di fare un prelievo a chi sta vivendo un momento di felicità).

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

CONSIGLI DAL MASTER TRA CULTURA E GENTILEZZA

PB Un paio di settimane fa ho partecipato a una tavola rotonda allo IED con gli studenti che, prossimi alla conclusione del Masterbrand, si sono confrontati sul tema del lavoro (come scegliere, come farsi scegliere).

Oltre ai ragazzi c’erano alcuni professionisti e manager (io tra loro) con il compito di indicare ai giovani diplomandi il metodo per cadere in piedi (o almeno seduti dietro una scrivania) dopo essere stati catapultati fuori dalla scuola.

Il campionario dei manager era vario e divertente. Ma soprattutto sono emersi consigli che voglio condividere con voi.

1) Prima di avere l’ansia di essere scelti, usate il vostro tempo per scegliere e studiare bene l’azienda o l’agenzia per la quale vorreste candidarvi. Quali sono i suoi prodotti? la sua filosofia? chi sono i suoi clienti? le sue campagne? il suo stile?

2) L’azienda che scegliete vi deve assomigliare almeno un po’: c’era tra i relatori Benedetta, brand manager di Red Bull. Dopo il suo intervento (super energetico, volitivo, proattivo, assertivo) ho pensato che la taurina che mettono nella lattina di Red Bull la avessero cavata direttamente dalla sua bile e ho desiderato bere una camomilla.

A fianco c’era Ruggero, ligure, intellettualmente malinconico, sofisticamente indolente. Sicuramente uso al pessimismo della ragione, non lo conosco abbastanza per sapere se indulga all’ottimismo della volontà, ma credo di sì dato che era lì a dispensare qualche buon consiglio ai ragazzi ed è un imprenditore: quelli che vogliono lavorare nella sua agenzia  credo debbano frequentare Tolstoj e sapere che la Lega Lombarda , prima di essere la canotta di Bossi, era un’altra cosa.

3) Spegnete la tv e leggete. Tanto.

4) Sappiate l‘inglese molto bene.

5) Fate un’esperienza all’estero, poi tornate.

6) Non siate presuntuosi . Claudio (pacato e saggio Account Director in agenzia), ha snocciolato una serie di richieste in cui gli è capitato di imbattersi esaminando cv di giovani candidati (dal livello atteso “dal quadro in su”,  alle limitazioni di orario) chè quasi (bah, no, non fino a questo segno) avresti riabilitato la Fornero e i suoi choosy.

7) Fate sempre bene qualsiasi lavoro: le occasioni vengono dalle relazioni e lasciare una buona memoria (anche come barista, studente, stagista) è quasi sempre l’origine di una carriera. Lo è stato per tutti i cinque relatori presenti e, statisticamente, vorrà pur dire qualcosa.

8) Non lamentatevi mai , ma abbiate una opinione.

9) Non presentate al vostro capo problemi ma soluzioni. Quelli di sotto risolvono i problemi di quelli di sopra. Sempre.  A scalare fino al Primo Ministro.

10) Siate disponibili, generosi del vostro tempo, della vostra energia.

11) Seguite le vostre passioni, i vostri gusti.

Lorenzo, altro ligure rubato alla costa per realizzare i suoi sogni nell’entroterra, è stato DJ per caso (con picchi di popolarità sullo struscio bolognese), ma regista per vocazione. I suoi video sono buffi e talentuosi, a volte commoventi.

13) Siate caparbi, ma anche un po’ fatalisti: non fatevi scoraggiare, rialzatevi sempre. Alcuni fallimenti spesso si rivelano produttivi. Saper perdere è una bella arte e ci rende più simpatici.

Ultimo ma non ultimo, siate gentili e amate la bellezza: la vita è troppo breve e troppo bella per sprecarla in compagnia di villani, in luoghi oscuri.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Nasce Fidenia, una start up dedicata al mondo della scuola

FideniaMatteo Achilli, del quale abbiamo avuto modo di parlare come innovativo creatore della start up Egomnia, ci ha segnalato un’altra start up, di nome Fidenia, che verrà lanciata oggi nel mondo della scuola digitale (e-learning, condivisione di file multimediali tra professori e studenti, social network tra professori, studenti, genitori, e-commerce di libri accademici, registro elettronico, …): parliamo della prima piattaforma di Social Learning italiana.

Matteo ha partecipato al progetto come Egomnia perché il progetto Fidenia nasce dalla sinergia di vari attori: innanzitutto, i docenti, gli alunni, i dirigenti, le famiglie che ci hanno seguito in ogni fase di sviluppo del portale; in secondo luogo, Matteo Achilli che ha partecipato all’iniziativa con il suo entusiasmo e la sua esperienza di startupper; in terzo luogo, un’azienda leader nella distribuzione di libri scolastici, TXT Spa, che ha saputo cogliere i nuovi stimoli presenti nel mondo education; infine, uno staff tecnico, situato a Matera, che ha realizzato un prodotto veramente unico. Il tutto coordinato da Davide Tonioli, laureato in Filosofia, ma con una netta vocazione per il digitale e una particolare attenzione per le evoluzioni del segmento education, sia per quanto riguarda la creazione di contenuti innovativi (soprattutto in campo editoriale), sia per quanto riguarda i cambiamenti di linguaggi e ambienti della cosiddetta “didattica 2.0”.

«Fidenia è un portale assolutamente unico nel panorama italiano» ci ha detto Davide Tonioli, «ideato e sviluppato a stretto contatto con professori e studenti per creare un prodotto realmente in linea con le nuove esigenze della scuola 2.0. Invitiamo pertanto tutti coloro che hanno a cuore il destino della scuola italiana di fronte al grande “bivio digitale” a visitare il nostro sito e ad iscriversi gratuitamente: in questo modo, si renderanno immediatamente conto della facilità d’utilizzo di Fidenia e dell’efficacia di tutte le funzionalità che abbiamo studiato e realizzato».

A partire da oggi i docenti e gli studenti di tutta Italia avranno quindi a disposizione un nuovo importante strumento digitale per dialogare e condividere risorse Fidenia, definito dagli autori il primo “social learning” dedicato alla scuola che affianca alla comodità della comunicazione “social” la presenza dei più avanzati e moderni strumenti di e-learning. I professori potranno creare le proprie classi virtuali, inviare verifiche online e test a risposta multipla, conservare i propri file in uno spazio personale in “cloud” e all’occorrenza condividerli con la propria classe o con altri docenti. Gli studenti potranno a loro volta inviare i propri elaborati direttamente sul portale e dialogare con compagni e professori, creare gruppi di studio e lavorare simultaneamente su materiale didattico condiviso.

Inoltre attraverso Fidenia il materiale prodotto tramite la quotidiana attività didattica si apre al web. Ogni utente di Fidenia potrà infatti cercare all’interno di un’apposita “libreria virtuale” gli appunti, le tesi, gli elaborati scientifici creati dagli altri utenti di Fidenia, opportunamente indicizzati tramite “tag”.

Fidenia pone inoltre l’accento sul coinvolgimento delle famiglie,  permettendo anche ai genitori di iscriversi al portale e partecipare così attivamente alla vita scolastica dei propri figli, comunicando con la scuola, consultando voti e assenze, creando gruppi con altri genitori per scambiarsi ogni genere di file e informazioni.

Anche le scuole potranno scegliere di aderire a Fidenia e personalizzare così la propria “pagina Istituto”, per inviare comunicazioni e news ai propri “followers”, attivare il registro elettronico, pubblicizzare le proprie iniziative e i propri progetti.Copertina_fb

Studenti e docenti  possono quindi collegarsi su http://www.fidenia.com per registrarsi e scoprire il mondo di Fidenia che – assicurano i creatori – verrà presto arricchito di ulteriori funzionalità, sempre nel segno della semplicità e della sperimentazione di nuovi linguaggi, ambienti e modalità di insegnamento e apprendimento.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Auguri a Trampolinodilancio e a tutte le donne

PC Oggi Trampolinodilancio compie due anni! L’anno scorso Patrizia faceva gli auguri a Trampolino e a tutti quelli che ci sono saliti, perché volassero lontano. Spero siano stati  di buon auspicio per i lettori come lo sono stati per Patrizia e me, che, con grande entusiasmo ma anche con molta fatica, abbiamo tenuto in volo Trampolinodilancio, gratificate dai tanti blogger che ci seguono, dai fan su facebook, dai follower su Twitter, da tutti quelli che evidentemente trovano utile e interessante quello che scriviamo. Oggi voglio fare gli auguri in particolare alle donne che come Patrizia e me usano il web per esprimere una parte della loro personalità e capacità che nel lavoro o nella vita quotidiana sarebbero sacrificate.

Social_Network PROFILI DONNE

Vi invito a leggere la divertente ricerca che ha commissionato l’amico ed ex collega  Roberto Fuso Nerini di  The Vortex sulle Donne sul Web e scoprire in quale profilo vi riconoscete 

maggiormente: siete una Donna Twitter o una Donna Linkedin? Patrizia e io siamo sicuramente delle Donne Blogger, proponiamo di aggiungere la categoria alla ricerca!

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: