Archivio mensile:febbraio 2016

E’ l’anno della scimmia… mettiamola sulla spalla di qualcun altro

PB Pochi giorni fa si è celebrato il capodanno cinese. Ci lasciamo alle spalle l’anno del Maiale (dai, onestamente una bruttura) e ci buttiamo in quello della Scimmia.

Premetto una discreta incompetenza nella decodifica dell’oroscopo cinese, coinvolta dal capodanno soprattutto per problemi industriali (tre settimane di stop per tutte le nostre produzioni in poliestere che arrivano dall’Asia) e uso la metafora della scimmia a scopo puramente strumentale.

Spesso quando siamo su un progetto, tendiamo a procrastinare il momento in cui mollare la palla perché qualcuno possa giocarla. Ci pare di doverla tenere ancora tra i nostri piedi, a volte la dimentichiamo perché siamo pieni di altre cose da fare. Cosicché alla fine , quando ci decidiamo (obbligati dal calendario) a lanciare la palla, realizziamo che il tempo per giocarla fino al successo è corto. E che parecchio ne abbiamo sprecato tenendo sulle nostre spalle una scimmia che era già pronta a saltare su quella di un altro (un collaboratore, un fornitore, un façonista, un impaginatore, un modellista…).

La tendenza a procrastinare (nel Medioevo era un peccato rappresentato simbolicamente dalla Cornacchia, chi di voi ha studiato filologia romanza dovrebbe saperlo) alcune azioni che in qualche modo ci mettono a disagio, ci dà breve sollievo nell’immediato, ma riempie di scimmiette le nostre spalle appesantendoci il cammino. Soprattutto in un mondo dai ritmi circadiano / contadini come la moda, scandita inesorabilmente dalle stagioni.

Quando sentiamo di avere sul tavolo un sospeso da cui dipendono le azioni di molti altri , dobbiamo dargli la priorità anche rispetto a progetti più importanti ma che possiamo gestire da soli. Questione di rispetto, ma anche di efficienza.

E’ più opportuno in alcune situazioni correggere una bozza e dare il via alla stampa che rivedere i numeri di budget. Il lavoro è più noioso e miserabile. Ma senza il catalogo stampato non venderemo le collezioni e non faremo il budget. E la stampa non la possiamo fare nei ritagli di tempo: una stamperia, i suoi tecnici, le sue macchine , stanno aspettando il nostro nulla osta per partire.

Io tendo a procrastinare regolarmente la revisione dei contratti (che odio visceralmente superate le tre pagine delle condizioni commerciali, perduta nelle fidejussioni bancarie, nei periodi di sell off, nelle cause di risoluzione espressa) con il risultato di tenermi sulle spalle un gorilla, ingombrante nel retro pensiero.

Gestire la nostra agenda non solo valutando le nostre disponibilità di tempo, ma considerando quelle di chi lavora intorno a noi, ha un potenziale straordinario nell’efficacia del nostro lavoro.

D’altra parte lo facciamo scientificamente ogni mattina, quando mettiamo il bollitore dell’acqua sul fuoco prima di apparecchiare la tavola. Quando mettiamo la bustina del the nella teiera prima di fare la doccia, in modo che l’infusione sia pronta quando infiliamo l’accappatoio e i biscotti sono già sulla tavola.

I 50 minuti tra la sveglia e l’uscita di casa, diventerebbero un’ora e trenta se non avessimo inanellato azioni dalla calcolatissima consecutio temporum (tra il the e la doccia immaginate il primo amorevole richiamo per svegliare il Fede e l’ultimo abominevole ruggito per fargli lavare i denti prima di uscire).

Dunque quest’anno cinese il buon proposito è quello di tenere sulle mie spalle solo le scimmie che dovrò gestirmi direttamente dall’inizio alla fine. Spostare le altre prima che diventino primati mi farà guadagnare tempo e stima da chi si troverà impegnato con il corretto anticipo.

Spostare tutte le scimmie sulle spalle degli altri, aimè, non è possibile: è roba da milionari inoccupati (pochi), poveri disoccupati (tanti) politici in altro affaccendati e manager inutili (QB).

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Il segreto del successo è non temere il fallimento, ci racconta Mario Sorbo, co-fondatore di Foodscovery

PC Avere successo significa trovare un’alchimia speciale tra l’azienda e il nostro talento. Se il feeling funziona, se gli intenti coincidono, i risultati non tarderanno a venire.
Ci sono casi in cui azienda e talento coincidono: è il caso delle start up di giovani imprenditori che non cercano una azienda che gli somigli: la creano per dare sviluppo alle proprie idee. Intervistando Mario Sorbo, co-fondatore di Foodscovery, abbiamo avuto la conferma che essere imprenditori del proprio progetto richiede molta energia, può essere bellissimo, ma soprattutto è possibile.

Mario Sorbo co-fondatore della startup Foodscovery

Mario Sorbo co-fondatore della startup Foodscovery

Trampolinodilancio: Cosa è Foodscovery e come ti è venuta l’idea

Mario Sorbo: Foodscovery è una piattaforma web e mobile che permette a qualsiasi utente di ordinare prodotti icona della gastronomia italiana direttamente dai laboratori artigianali più rappresentativi della tradizione locale, come panifici, pasticcerie, macellerie, caseifici e molti altri. Al centro del modello di business c’è l’innovazione a sostegno delle piccole economie locali, con la creazione e lo sviluppo di un sistema automatizzato di ritiro e consegna in 24/48h che rende possibile gustare più di 1500 autentiche prelibatezze in Italia e in tutta Europa. L’impegno del team della startup innovativa è dedicato alla ricerca e alla messa in rete dei micro-produttori di nicchia, disseminati come tesori nascosti in tutto il territorio italiano e scoperti dai “food-scout”: una selezione scrupolosa di veri e propri artigiani delle tradizioni culinarie locali, dal pane alla pasticceria, dalla carne al formaggio, che permette di far assaggiare a tutti i mille e un sapori dell’Italia.

L’idea scaturisce da un bisogno mio e del mio socio Fabio Di Gioia. Ogni volta che, durante i nostri viaggi in Italia e all’estero, assaggiavamo una specialità gastronomica locale, inesorabilmente legata alla tradizione di un luogo, ci rendevamo conto che era difficile se non impossibile rigustare quello stesso prodotto “autentico” altrove. Pertanto, grazie al supporto del nostro reparto IT (Amedeo Sciagura, Riccardo Romano ed Omar Speranza), abbiamo sviluppato la piattaforma assecondando i bisogni dei piccoli produttori, i veri protagonisti del progetto, con cui continuiamo a confrontarci quotidianamente.FOODSCOVERY logo

Raccontaci le tue esperienze precedenti e dicci quali si sono rivelate più importanti per questa nuova avventura.

Prima di fondare Foodscovery ho avuto esperienze nel settore assicurativo e bancario, lavorando da analista per Allianz SPA e Morgan Stanley. Successivamente ho lavorato per il colosso berlinese Rocket Internet in sud est asiatico dove ho avuto il piacere di prendere parte al team di lancio di lazada.com, che attualmente è il più grande e-commerce e marketplace in quell’area (Thailandia, Vietnam, Malesia, Indonesia, Filippine e Singapore).

Le prime esperienze nel settore assicurativo e bancario sono state di grande aiuto per acquisire maggiore confidenza con il mondo del lavoro e mettere in pratica parte di ciò che avevo appreso durante i miei studi economico-finanziari.

Ma è stata sicuramente l’esperienza in Asia a fornirmi le competenze necessarie per il la mia nuova avventura con Foodscovery. Avere l’opportunità di seguire, sin dalle prime fasi, il lancio di lazada, contribuendo a strutturarne i dipartimenti ed i processi interni, operando in un ambiente multiculturale competitivo e stimolante nel quale poter avere da subito moltissime responsabilità, ha senza dubbio giovato alla mia crescita professionale oltre che personale.

Tornando a quando, pochissimi anni fa, ti affacciavi al mondo del lavoro, perché pensi di essere stato scelto al tuo primo colloquio, cosa ha fatto la differenza?

Credo che le caratteristiche determinati ricercate dalle aziende per l’assunzione di profili junior siano le seguenti:

1) Profilo accademico, con particolare attenzione alla capacità di rispettare le scadenze, pertanto essere in regola con gli esami;

2) Attenzione ai dettagli, curiosità e soprattutto motivazione;

3) Esperienze formative all’estero e conoscenza di una seconda lingua.

Quali caratteristiche deve avere un giovane per creare una start up di successo?

Per la creazione di una startup di successo a mio parere bisogna avere approccio analitico, ridisegnare la propria scala di priorità, imparare velocemente dai propri errori, essere flessibili, motivati e non aver paura del fallimento. Oltre che un giusto mix di competenze e numerose soft skill.

L’approccio lucido ed analitico è fondamentale, insieme ad una visione di lungo termine, per lo studio della propria idea, del mercato di riferimento e dei competitor, tanto nelle fasi iniziali quanto successivamente lungo la vita aziendale.

Ridisegnare la propria scala di priorità anteponendo il proprio progetto a tanti altri aspetti della propria vita.

Imparare velocemente, anche e soprattutto sul campo, dai propri errori riuscendo a correggere quotidianamente il tiro indirizzando l’azienda nella direzione giusta.
La via del successo è piena di insuccessi, pertanto bisogna essere motivati, flessibili e non aver paura del fallimento.

Cosa ti ha insegnato il capo che consideri tuo mentore?

Ho avuto il piacere e l’onore di lavorare con persone di grande spessore professionale ed umano da cui ho appreso molto.

Ma il “senso del dovere”, una delle caratteristiche fondamentali per il mio percorso accademico e per la mia crescita professionale, mi è stato trasmesso dalla famiglia e dal mio professore di italiano e latino del liceo, persone molto importanti che non ringrazierò mai abbastanza.

La tua struttura ha già 15 tra dipendenti e collaboratori, utilizzi i social media per controllare il profilo dei candidati che assumi? Quali in particolare e cosa verifichi?

Per una prima selezione mi baso molto sul loro modo di scrivere il curriculum ed eventuale lettera motivazionale, documenti che dicono moltissimo del candidato.

Per profili senior è prassi necessaria quella di verificare le referenze.

Sicuramente i social media possono aiutare ad inquadrare meglio il profilo socio-culturale del candidato con l’obiettivo di ricercare delle caratteristiche che possano arricchire gli altri componenti del team e di conseguenza l’azienda.

Consiglieresti a un giovane che ha in programma un percorso imprenditoriale un’esperienza all’estero?

Assolutamente sì.

Guardare le cose da altre angolazioni, diverse da quelle a cui siamo abituati, è il primo passo per sviluppare un approccio innovativo.

Contrassegnato da tag , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: