Archivi tag: consigli sul natale in ufficio

Come fare carriera alla cena di Natale

PB   Natale. Tutti in famiglia il 24 e il 25 Dicembre. Ma le celebrazioni con il circolo più allargato delle nostre relazioni partono già da S. Ambrogio!

La pizzata di Zumba, la mostra con le amiche di infanzia, l’aperitivo con gli ex colleghi e… il brindisi o la cena aziendali!

Un incubo per molti divisi tra la tentazione di bigiare e quella di vestirsi come Moira degli elefanti per farsi finalmente notare da quell’inaccessibile adone del Controllo di Gestione (e dare il definitivo due di picche al nerd dei Sistemi Informativi).

Non sono una grande fan del momento ludico al lavoro (il barbecue con il capo la domenica nei film americani mi fa rabbrividire e alle cene di lavoro preferisco le cene con gli amici) ma semel in anno licet insanire (una volta l’anno è lecito impazzire), quindi via libera agli auguri di Natale al lavoro, ma con qualche accorgimento.

Ecco le regole fondamentali per sapersi comportare alla Cena di Natale aziendale: un errore può essere fatale alla propria carriera!

Regola numero Uno: al brindisi di Natale si va.

Non esistono scuse, impegni precedenti, timidezze all’ultimo minuto, raffreddori, malattie.

Ho un paio di esempi di colleghi brillanti che hanno fatto scelte diverse sulla cena di Natale, in Dolce & Gabbana, qualche anno fa.

R., super lavoratrice e sgobbona, carina, timida, fedele. Non va mai alle cene di Natale perché si sente un po’ fuori luogo, è timida, non ha legato bene con le colleghe che trova sguaiate e caciarone. Il direttore di divisione, ignaro del suo effettivo contributo al lavoro, si è però accorto benissimo della sua assenza al brindisi: R. è evidentemente poco aziendale, poco motivata, non ha commitment sufficiente per essere tra i migliori.

P., brillante, pasticcione, intelligente , ingarbugliato è stato investito a Londra, durante un viaggio di lavoro, da un’automobile. Settimane di ospedale e preoccupazioni. Alla cena di Natale, direttamente dall’aeroporto, accompagnato dalla sorella, passa per fare un brindisi. Rimane alla cena di Natale per 15 minuti. Che gli sono valsi più della chiusura del budget. Chi prima lo considerava uno svampito lo ha rivalutato come genio e sregolatezza.

Regola numero Due: al brindisi di Natale si va puntuali.

 La scena di quello oberato che deve finire la e mail e arriva tardi al brindisi credendo di fare la parte del secchione sbaglia di grosso: l’Amministratore Delegato è lì con il bicchiere in mano, con il discorso pronto. Arrivare 5 minuti dopo non fa lavoratore indefesso , fa villano o al meglio disorganizzato. Se è riuscito a arrivare il tempo chi gestisce un Consiglio di Amministrazione e gli Azionisti, come mai non ci è riuscito un Junior PM?

Regola numero Tre: al brindisi di Natale si va con abito e accessori adeguati.

Un piccolo dettaglio colorato, un abito elegante, un rossetto rosso.

Qualcuno si è occupato di preparare la festa per voi. Probabilmente da ottobre l’ufficio del personale e i servizi generali hanno pensato a location, menù, cadeau. Il Direttore Generale ha firmato decine di biglietti di auguri.

Fate in modo anche voi di essere in ordine per la festa e non di parerci caduti per errore, con la felpa e il berretto di lana in testa.

La vostra camicia bianca o una spilla a forma di albero di Natale (io ne ho una bellissima, regalatami da Antonio G. quando eravamo ragazzetti e colleghi in Swatch, che uso da allora tutti gli anni come un amuleto e un portafortuna) verranno apprezzati dal vostro capo e dai vostri colleghi. Importante: non state andando a un matrimonio e neanche all’addio al celibato. Non siete neanche dei promoter di Harrods. La giacca rossa e la barba di ovatta non sono quello che intendo per piccolo dettaglio natalizio.

Regola numero Quattro: al brindisi di Natale si va per festeggiare (no slides, no sbronza).

Alla cena di Natale ci si comporta in modo informale ma non si esagera.  E’ l’occasione per vedere in un contesto meno formale i propri colleghi, per scoprire che quella biondina pallida che si occupa di licenze truccata e con i capelli raccolti è quasi bellissima, che il capo è un appassionato di vela, che il magazziniere è un comico pazzesco e che la cena a base di insaccati è problematica per il collega mussulmano (era mussulmano?).

Vietato parlare di lavoro operativo e portare documenti a cui dare un’occhiata.

Vietato però esagerare con l’informalità: quelle stesse persone le ritroveremo domani in giacca e cravatta in ascensore.

Ricordo ancora un capo ubriaco su un tavolino che ballava, scarpe in mano. I collaboratori erano allibiti. Come vedere la mamma che bacia l’idraulico. Non si fa.

Ricordo uno stuolo di fanciulle del customer service vestite come per andare in discoteca civettare, troppo, con tutta la rete agenti (dalla Sicilia alla Val d’Aosta in grande spolvero). Tipo “cene eleganti” della cronaca recente. Non si fa.

Ricordo una segretaria alticcia che insisteva, troppo, per far ballare un ingessatissimo capo. Come quegli animatori  che trascinano con la forza riottosi volontari sul palcoscenico del villaggio vacanze. Non si fa.

Regola numero Cinque (per i capi) : al brindisi di Natale si va preparati

E’ una occasione per vedere tutti i collaboratori e non solo i primi livelli. Per fare un breve riassunto dei risultati raggiunti e per far conoscere gli obiettivi del nuovo anno.

Il discorso deve essere breve e informale, deve avere il carattere della celebrazione (ringraziamento e augurio) e non del rimprovero o del cazziatone (per questi brindisi c’è tempo tutto l’anno).

Essere preparati per un breve discorso, anche se poi condotto a braccio, è un segno di attenzione e rispetto per chi ha lavorato tutto l’anno e lo farà ancora per quello a venire, a volte più gratificante del panettone.

BUON ANNO!

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: