Il bello della preparazione. E il formidabile dell’imprevisto

Pannello Murale Limoni di Sorrento (blu) 60x40 cm - Ceramiche K

PB Ho recentemente fatto un viaggio in Costiera. Disegnato itinerario, scelto alloggio, visto il meteo, definito il guardaroba giorno per giorno (durante una cena, alla vigilia della partenza, grazie Arianna). Direi tutto abbastanza pianificato.

Ma la vera sorpresa del mio viaggio è stata in quello che non avevo previsto. L’autista del tranfer, Gaetano, si è rivelato una guida da Grand Guignol, meravigliosamente esagerato, primitivo e delicato, colorato. Più saporito del limoncello, più gustoso della mozzarella.

A Capodimonte, andata per le porcellane, non ci sono mai arrivata, catturata da un concerto per pianoforte del maestro Rosario Ruggiero al secondo piano (che figo deve essere il Direttore della Reggia per organizzare ‘sta musica alla domenica mattina? Questa malìa che ti cattura e ti ubriaca?) e poi dai giardini, sulle orme del San Gennaro di Calatrava. Le porcellane sono lì, ci tornerò.

Per fortuna non avevo pianificato tutto al minuto. Il canovaccio del viaggio ha consentito di rivedere alcuni programmi, di perderci in vie inattese.

La preparazione, che è necessaria, nei viaggi come nei progetti di lavoro, non deve essere talmente meticolosa e dettagliata da impedire di inoltrarsi in sentieri inediti, a volte migliori di quelli che avevamo preparato.

Il programma deve essere il sostegno, non la gabbia dei nostri progetti.

Ricordo un capo dalla moglie pettoruta che acquistava per la consorte reggiseni e costumi da bagno dal logo aquilino.

Quando in azienda si gestiva l’ordine VIP (Alert! È per la moglie di F!) in sala modelli partivano i nervi e le macchine da cucire. Le cuciture della coppa venivano ripassate più volte, fermate con tripla chiusura, perché pare che una volta il ferretto avesse bucato il pizzo e di conseguenza le morbide rotondità della première dame.

Per il secondo ordine, dopo l’incidente del ferretto assassino, si decise sui tavoli del taglio, di far prigioniero lo sventurato archetto di metallo, con cuciture che sarebbero state troppo anche per un cappotto.

Il risultato fu che l’imbragatura troppo robusta tolse al ferretto l’agio di muoversi nella sua sede a baccello e adattarsi ai movimenti del polposo contenuto. La fuoriuscita del ferretto fu istantanea (la briglia era pur sempre di pizzo), la furia di F memorabile, il destino della modellista segnato.

La troppa cura, il poco spazio lasciato al ferretto, furono fatali.

La nostra agenda deve lasciare spazio all’imprevisto, all’inedito, deve stimolare la scoperta e l’arricchimento.

Le porcellane settecentesche di Capodimonte, sono state sostituite da quelle moderne di Calatrava, essendo inconsapevolmente finita a Napoli il giorno di San Gennaro.

Avevo visto il meteo, mi ero persa gli onomastici.

Agenda flessibile e compagne di viaggio favolose hanno fatto il resto.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: