LE 9 COSE CHE UCCIDONO LA TUA CARRIERA

PC Ci sono persone volenterose, preparate, che lavorano tanto eppure non fanno carriera o addirittura perdono il lavoro. Perché? Se lo è chiesto Travis Bradberry, autore di Emotional Intelligence 2.0., che ha trovato almeno nove atteggiamenti che possono uccidere, a volte lentamente come l’arsenico delle vecchie ziette, la vostra carriera.

Conoscerli vi aiuterà a contrastarli prima che diventino un’abitudine consolidata.

  1. Accontentarsi della propria confort zone4d4011a1-adbb-4d04-a899-278a52c19f3c

Ricordatevi che in qualsiasi ambito lavorativo il cambiamento è ormai una costante! Cercate di essere pronti a cavalcare il cambiamento  o addirittura imparate a cercarlo proattivamente: mantenetevi aggiornati professionalmente, guardatevi in giro per eventuali altre proposte, aggiornate spesso il vostro curriculum vitae, fate networking, imparate qualcosa di nuovo.

  1. Aver paura del cambiamento

Ancora peggio dell’atteggiamento precedente, è l’aver paura del cambiamento e far qualsiasi cosa per evitarlo. Non essendo nativa digitale (ma va?) ricordo il terrore col quale molte persone hanno affrontato l’ingresso del computer nella loro vita lavorativa e non potrò mai dimenticare l’orrore con il quale un’amica mi annunciava che dal giorno dopo avrebbe dovuto usare il mouse. gatto-spaventato

Visto che il mondo e il lavoro cambiano con velocità  se non amate per carattere il cambiamento dovrete almeno  imparare a non opporgli resistenza.

  1. Fare (solo) politica

Ho rivisto recentemente un vecchio collega che mi ha fatto uno dei più bei complimenti della mia carriera. Mi ha detto che quando lavoravamo insieme in Young & Rubicam ero rispettata anche da chi non mi amava perché lavoravo tanto e con dedizione, mentre altri avevano fatto carriera legandosi al carro del vincitore.1-cat-obama-meet-1389760444537-copia

A distanza di tanti anni questo ex collega mi ha chiamato per realizzare insieme dei progetti perché sapeva di poter contare su competenza e entusiasmo, più che sulla capacità di fare politica (anche se qualche volta anche essere un po’ meno Cenerentola un po’ più Principe – di Macchiavelli – può aiutare).

  1. Perdere di vista la visione globale

Ecco un atteggiamento nel quale mi riconosco moltissimo e che definisco l’essere “pierini”: cioè il concentrarsi eccessivamente sullo svolgere nei minimi dettagli il proprio compito, con il rischio di perdere di vista la visione complessiva.

  1. Promettere troppo e fornire meno del previsto

In buona fede un gran lavoratore a volte tende a promettere più di quello che riuscirà effettivamente a realizzare. Ricordatevi che le percezioni contano più dei fatti: se avete promesso, senza che nessuno ve lo imponesse, di raggiungere una scadenza estremamente ravvicinata e arrivate anche solo un po’ in ritardo, rimarrete impressi come quelli che non mantengono le scadenze, non come quelli che hanno fatto un lavoro in tempi comunque molto rapidi. Imparate a non essere over-promising, siate realistici, e vi farete la fama di qualcuno di affidabile che conclude sempre i suoi progetti in tempo.

  1. Essere negativi 

Sottoscrivo pienamente le parole di Bradberry: se trasmettete negatività nel vostro reparto e vi lamentate costantemente del lavoro e dei colleghi rendete più pesante l’ambiente lavorativo e più complicato il lavoro del vostro capo, che dovrà gestire anche la vostra insoddisfazione. Se le persone preferiscono evitarvi che sentirsi ripetere l’ennesima lamentela, difficilmente la vostra carriera decollerà.

7. Avere scarso controllo delle proprie emozioniarrabbiato

Se vi si legge in faccia che un collega o un capo vi irrita, se per un niente scoppiate a piangere o avete un attacco di rabbia, se chiunque riesce a capire se siete insofferenti o annoiati solo guardandovi in faccia, se avete l’abitudine di rispondere male ai colleghi, se vi siete fatti la fama di essere persone difficili da gestire, è probabile che la vostra insoddisfazione aumenterà perché non avrete la promozione che sperate.

  1. Adulare il capo

L’adulazione non ha niente a che fare con un rapporto basato sul rispetto e la stima.  Una relazione di lavoro tra capo e sottoposto può funzionare a lungo solo se basata sull’autenticità e sul merito.

  1. Concentrarsi solo su come evitare il grande errore

Molti pensano, sbagliando, che la loro carriera possa essere rovinata solo da un grande “errore” (conosco donne che hanno aspettato anni ad avere un figlio perché temevano che la loro carriera si sarebbe bloccata perché “non era il momento giusto”) mentre le ricerche dimostrano che è più facile che una carriera non progredisca a causa del sommarsi di tanti, piccoli, atteggiamenti sbagliati come quelli che abbiamo appena visto, piuttosto che a causa di un singolo, macroevento.

Trovate l’articolo originale apparso su Huffpost a questo link.

Contrassegnato da tag , , , , ,

3 thoughts on “LE 9 COSE CHE UCCIDONO LA TUA CARRIERA

  1. Giulia Spada ha detto:

    Il controllo emotivo: ci sono in commercio splendidi libri sull’argomento, ma ancora nessuno mi ha aiutato nella realtà…
    Confermo al 100% che la frustrazione derivata dall’avere scarso controllo delle proprie emozioni è massima, malgrado tali emozioni siano magari assolutamente giustificate dalla contingenza.
    Ricordo che dissi a un mio precedente capo quanto fosse “algido” nei confronti dei suoi subordinati e lui fece un mezzo sorriso. Per me era un difetto… ma forse aveva ragione lui.

    Mi piace

    • trampolinodilancio ha detto:

      L’altro lato della medaglia però è che non facendo trasparire le emozioni (negative) ci si riduce a dormire male e a non digerire niente al di fuori della crescenzina!

      Mi piace

      • Giulia Spada ha detto:

        In medio stat virtus….
        Devo imparare a evitare lo scoppio dell’embolo ma anche la gastrite con conseguente crescenzina… Siccome devo lavorare altri 20 anni, vedrete che a forza di esercitarmi prima o poi ce la faccio !

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: