Vicky Gitto ci racconta la campagna Punto su di te, contro la disparità di salario tra donne e uomini

PC Dare al lavoro delle donne il giusto valore è l’obiettivo della seconda fase della campagna Punto su di te, di Pubblicità Progresso, contro la discriminazione femminile e in particolare contro la disparità di salario, che in Italia arriva al 30%. Ne abbiamo parlato con Vicky Gitto che ne ha curato la direzione creativa. Dato che Gitto è stato recentemente nominato Presidente di Y&R Group, che ora dirige insieme a Simona Maggini, promossa ad amministratore delegato, abbiamo approfittato anche per capire come questa giovane coppia, con una donna in una posizione di grande peso, intende mantenere in agenzia un clima che dia la massima possibilità di espressione e carriera sia ai giovani che alle donne.

Un’intervista molto interessante sia per chi desidera capire come si lavora in una “grande scuola” della comunicazione, sia per chi vuole capire meglio la genesi di una campagna pubblicitaria in ambito sociale. Proprio di comunicazione sociale si occuperà il nuovo corso in Iulm di cui sono co-titolare con Marco Lombardi e abbiamo quindi invitato Vicky Gitto a raccontare ai nostri studenti ancora più dettagliatamente l’iter creativo della campagna. Speriamo che la lezione e questa intervista aiutino le nostre lettrici e le nostre studentesse ad affrontare con maggiore autostima i colloqui di lavoro e a non avere remore a chiedere quello che meritano.

Ricordatevi che ottenere un colloquio con Vicky Gitto, Simona Maggini o un altro dei manager di WPP è più semplice di quanto pensiate, è sufficiente comprare uno dei testi che usiamo come manuali in Iulm, inviare una email, compilare una scheda e aspettare di essere chiamati (ci si deve poi presentare al colloquio con il libro). La proposta è presentata anche nel sito di FrancoAngeli http://www.francoangeli.it nelle pagine dedicate ai due libri di Marco Lombardi: qui http://bit.ly/1f2elrF e qui http://bit.ly/1I0ZFQm.

Una sola raccomandazione: non è sufficiente comprare i libri, meglio anche leggerli, non solo perché sono utili se volete fare questo mestiere ma anche perchè Vicky Gitto è autore di un capitolo del libro sulla creatività e Simona Maggini conosce molto bene quello sulla strategia che usiamo nel corso di Brand Lab. di cui è cultore della materia!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

3 thoughts on “Vicky Gitto ci racconta la campagna Punto su di te, contro la disparità di salario tra donne e uomini

  1. Giulia Spada ha detto:

    Ho visto lo spot e ho rivissuto tanti colloqui passati… quando sarà disponibile il case, magari assisteremo anche alle bieche domande “monogender” (es. sei fidanzata ? hai in previsione di sposarti e di fare figli ? se hai figli, come pensi di gestire le eventuali trasferte di più giorni che sicuramente sono necessarie per il ruolo ?). Solo al pensiero mi prudono le mani..
    Grazie Y&R per aver dimostrato senza mediazioni qual è la vera faccia del mondo del lavoro attuale e per aver dato voce a tutte le donne lavoratrici – o che stanno tentando di diventarlo – che non chiedono corsie preferenziali, ma nemmeno blocchi stradali.

    Mi piace

    • trampolinodilancio ha detto:

      Sicuramente pubblicheremo anche il case video! Nel frattempo se avete esperienze di questo tipo da condividere ci farà piacere pubblicarle, perchè è sempre meglio arrivare preparati al peggio! Recentemente ho riproposto un piccolo test sugli stereotipi di genere che si faceva quando ero ragazza a mio figlio diciassettenne: un padre e un figlio hanno un incidente d’auto. Arrivano in ospedale, il figlio viene portato in sala operatoria. Entra il chirurgo, lo guarda ed esclama: “Non posso operarlo! E’ mio figlio!”. Cos’è successo?
      Solo suggerendogli esplicitamente di uscire dagli schemi e pensare senza pregiudizi ha indovinato che la giusta (e banalissima soluzione) è che il chirurgo è la mamma del ragazzo. Nessuno dei suoi amici (a più di trent’anni da quando l’hanno fatto a me) è riuscito a trovare la soluzione. Piuttosto deprimente.

      Mi piace

  2. Giulia Spada ha detto:

    Peccato non avere capacità nè studi nell’ambito della comunicazione/marketing/immagine: avrei sostenuto volentieri un colloquio con Vicky Gitto/Simona Maggini, anche solo per il piacere di confrontarmi con due persone da cui avrei sicuramente imparato qualcosa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: