Che prodotto sei?

Chelsea

Chelsea (Photo credit: HerryLawford)

PB   Riflettendo su quanto scritto da Paola sul Personal Branding (in qualche modo usare mezzi adeguati per promuoverci come se fossimo un prodotto) e su quanto detto da Stefano Battioni (che consiglia di diventare molto bravi in una specifica disciplina), mi viene da riflettere proprio su questo considerarci come un prodotto.

Io di prodotti ne ho incrociati tanti. E non tutti li avrei infilati nel carrello.

Le caviar de legume (altrimenti  detto “tutto fumo e niente arrosto”).

In genere si occupa di budget ma non ha dimestichezza con le somme, si relaziona con i clienti ma non ha idea del loro fatturato, parla di prodotto ma non sa distinguere un cotone da una microfibra.

Questa tipologia di prodotto in genere riesce ad entrare in Azienda (è belloccio, vestito con gusto, sa le lingue, conosce un numero discreto di ristoranti, si chiama Dodo, o Gillo, o Gianfri) ma è raro che faccia carriera (a meno che il pack non sia veramente speciale e che il capo abbia voglia di scartarlo. In ogni modo la carriera dura poco).

Ben presto si svela – dopo tanto nome –  una porzione di zucchine al vapore tagliate fini. Chi le ha sul piatto invidia lo gnocco fritto del vicino (meno costoso e più gustoso) o aspira a del vero caviale. Mentre il nostro  gira da un reparto all’altro come una mascotte, sopportato con benevolenza dai colleghi come quei soprammobili di cui non riesci mai a sbarazzarti.

Il prodotto equivalente o farmaco generico

Risolve un sacco di problemi, lavora duramente e senza risparmiarsi, si è laureato di notte mentre di giorno lavorava.

Leva le castagne dal fuoco al capo e ai colleghi. Ma è così timido, riservato e selvatico che non si mette mai in luce. Si veste di invisibile e lascia sempre quell’impressione che l’Aulin ti faccia passare il mal di testa prima del Nimesulide.

Apprezzato per il suo rapporto qualità prezzo, quando si libera un posto da vero capo è difficile che entri nella rosa dei candidati. Perfetto per il banco, fatica a guadagnare la vetrina. Il rischio è che la frustrazione di vedere persone che valgono meno di lui passare davanti, lo rendano antipatico e candidato al retrobottega.

La Kelly di Hermés

E’ di tempra robusta ma aspetto delicato. Un pugno d’acciaio in guanto di velluto. Sopporta il peso delle responsabilità con leggerezza. E’ capiente, pieno di cose interessanti ma pronto ad accoglierne di nuove.

Non teme di sporcarsi le mani, ma è a suo agio in passerella.

Sa che vorrà durare a lungo e per farlo non potrà fermarsi e rinunciare a nuovi stimoli. Ma avrà la pazienza di fare lunghe soste per approfondire e diventare un punto di riferimento per le sue competenze.

Fa il suo lavoro con la passione di chi non desidera altro, ma con il distacco di chi potrebbe rinunciarci domani.

Normalmente in tutte le aziende si va a spasso con una Kelly al braccio (dentro c’è il Nimesulide) mentre un Dodi ci apre la porta dell’auto. Tu chi sei?

Contrassegnato da tag , , , , ,

2 thoughts on “Che prodotto sei?

  1. Giulia Spada ha detto:

    Absolutely “Nimesulide” and wild.
    “Le caviar de legume” mai e poi mai, grazzieadddio….
    Ma secondo Voi, un Nimesulide può aspirare a diventare una Kelly di Hermes (ma anche una Jackie O andrebbe benissimo, più sportivetta e meno civettuola) oppure il suo futuro è definitivamente segnato ?
    Libero arbitrio o destino imprescindibile ?

    Mi piace

    • trampolinodilancio ha detto:

      Ci sono casi di celebri riposizionamenti in cui marchi di qualità ma ormai un po’ polverosi, come Martini o Disaronno (per restare in argomento con l’intervista di questa settimana) scelgono di cambiare il territorio stesso nel quale si muovono e, come per magia, il vermouth o l’amaretto si trasformano in cool drink del jet set internazionale. Scelta non facile, che richiede molti investimenti e anche un certo coraggio nell’abbandonare un campo conosciuto e sicuro.
      Oppure ci sono marche che utilizzano le line extension per migliorare la loro immagine totale: è quello che ha fatto Toyota lanciando Lexus (e se vuoi Patrizia e io aprendo questo blog!).
      Al momento la prima cosa da fare capire è: sei davvero un Nimesulide o una Kelly in una delle sue lunghe soste?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: